Stampa
Visite: 1109

 

Schermata_2021-05-30_alle_11.57.25.png

 

In qualità di referente Legalità- Bullismo stamattina alle 10.00 ho preso parte con la nostra Dirigente all’incontro Meet organizzato dal LICEO “G. COMI” TRICASE per la cerimonia di premiazione del Concorso: #STOPTHEBULLYBEAFRIEND –FREE BULLY SCHOOL CONTEST 5a edizione a cui abbiamo partecipato con un video realizzato dai ragazzi della 2^B e 3^ B Senza Zaino e dalle classi 5^ A – B – C della Scuola Primaria di via Apulia. 

 

Il concorso prevedeva tre sezioni di lavori:

Sezione A: Letteraria (Racconto - Poesia – Tema - Saggio breve - Intervista).                                            Sezione B: Multimediale (Cortometraggio - Video). 

Sezione C: Artistico-musicale (Murales - Cartellone – Fumetto - Logo – Canzone - Slogan). 

con due sezioni esterne, una dedicata agli istituti comprensivi, una agli istituti secondari di secondo grado e con una interna al Liceo organizzatore.

Hanno aderito 13 Istituti Comprensivi e 4 Istituti Secondari di Secondo grado.

 

L’incontro, presieduto dalla Dirigente del Liceo Comi Prof.ssa Antonella Cazzato, ha visto la presenza dell’avv. Fabio Saverio Romito in rappresentanza della sotto segreteria del Ministero dell’Istruzione del dr Rossano Sasso, del dr Mario Trifiletti, dirigente vicario dell’USR Puglia, il dr Vincenzo Melilli , dirigente territoriale dell’USP Lecce, la dott.ssa Loredana Capone, presidente del Consiglio Regionale Puglia, il dr Sebastiano Leo, assessore regionale Studio Formazione Lavoro, il dr Massimiliano Romano, vicepresidente della Provincia di Lecce, il Sindaco della nostra Tricase, dr Antonio De Donno.

Gli interventi pertinenti al Contest hanno sottolineato l’importanza dell’argomento, premendo sulla qualità della Scuola Pugliese che, anche in un periodo problematico come l’attuale, ha dato forte esempio di resilienza. Il 68% dei ragazzi soffrono di solitudine, si dice, e quindi la scuola è stata rispondente a tutte le sollecitazioni ricevute.

 

nel quale troverete anche i lavori premiati.

 

 

 

A noi  “SBULLONATI” una MENZIONE SPECIALE:

“Il video sottolinea l’importanza di cominciare fin dalle prime classi  della scuola primaria l’opera di formazione dell’individuo e futuro cittadino verso il rispetto dell’altro, per una società ispirata ad un sostanziale principio di uguaglianza”

Un plauso ai compagni delle classi 2^ A e 2^ E dell’Istituto Comprensivo “G. Pascoli” per i premi letterario e artistico.

Io vi consiglio di vedere lo streaming per comprendere quanto sia sentito il problema del bullismo e del cyberbullismo ma il messaggio dei nostri ragazzi è forte e chiaro:

Il bullo ha solo bisogno del nostro aiuto perché è bello stare insieme.

                                                                                               La referente